ROAD TO ISL💥

CI SIAMO!

È giunta l’ora, devo solo prendere i bagagli e partire …

😴 Sono le 7:30 di mattina, ammetto di essere un po’ impaurito e affannato, ma sono arrivato in aeroporto … CI SIAMO, è arrivato il momento.

Era giorni che ci pensavo, non sapevo se avessi fatto la scelta giusta … mi trovavo in un limbo strano, a metà tra la voglia matta di partire ed affrontare una nuova sfida e la paura di stare troppo lontano da casa, lontano da tutto e tutti.

 

Ma ormai sono qui, faccio un bel respiro e mi dirigo al check-in. Sara mi sta accompagnando, ho con me due valigie, uno zaino, la sacca degli attrezzi e, per non farmi mancare nulla, anche quella strana sensazione che ti viene allo stomaco prima di ogni viaggio, un misto tra “non mangio più per un mese!” e “mamma devo andare in bagno!”.

 

All’improvviso, senza neanche accorgermene, nel vortice delle emozioni, mi ritrovo già al controllo bagagli. Sara l’ho salutata pochi istanti prima. Solita storia: cerco di trattenere le emozioni ma… sono uno troppo emotivo, e in quegli istanti mi passano per la testa mille cose, mille pensieri e finisco sempre per salutarla stritolandola, come se dovessi portare via un pezzetto di lei per sentirmi meno solo.

 

Passo i controlli, tutto ok per fortuna, arrivo al mio gate e incontro Fabio Scozzoli e Martina Carraro. La tensione inizia a calare, NON sono solo! 😃 Ho dei compagni di viaggio e degli amici che saranno lì con me! Al mio fianco c’è anche il mitico Robbe, il mio allenatore, che mi segue in tutte le mie avventure. Rimarrà a Budapest un po’ di tempo per prepararmi al meglio, poi quando rientrerà in Italia mi lascerà in buone mani.

“ULTIMA CHIAMATA PER IL VOLO LH9487 direzione Monaco… “

 

ECCOCI, sempre gli ultimi a salire =) Si parte!✈️

 

Alcuni pensieri durante il viaggio:

Non so se ve l’ho mai detto, ma provo un leggero fastidio verso le persone che si accalcano sugli autobus o in aereo! Sembra come se qualcosa dovesse finire da un momento all’altro, sempre di corsa, la frenesia di dover uscire per primi dalle porte, con un’ansia incredibile addosso! Ma come fanno a vivere così?!😩

 

Mi avvio verso il corridoio dell’aereo, 2g … 5g … 11g … 18g … 21g …ECCOLO (non so perché ma tendiamo a contare tutti i numeri fino a che non troviamo il nostro ahaha). Mi sistemo, cuffiette alle orecchie, la tensione cala e mi rilasso. La musica giusta aiuta in questi casi …maaaa, SBAM! Eccolo che arriva il pensiero negativo, sempre dietro l’angolo … AVRO’ FATTO LA SCELTA GIUSTA???? “Ormai non si torna più indietro”, mi dico tra me e me. “MARCO, sei stato chiamato nella squadra di Katinka Hosszu, sei tra i migliori nuotatori al mondo, un’occasione irripetibile … saresti un folle a non voler vivere tutto ciò!”. Di colpo sento come una forza interiore che mi travolge, l’adrenalina che sale e mi pervade tutto il corpo, voglio gareggiare, VOGLIO GAREGGIARE ORA!🦾

 

Questo sono io, nel bene o nel male sono sempre alla ricerca di nuovi stimoli, che mi aiutino nel mio percorso da sportivo e che mi rendano più entusiasmante questa bellissima avventura.

Arrivati a Monaco attendiamo la coincidenza per Budapest e mi accorgo di essere circondato da tantissimi atleti, provenienti da tutte le parti del mondo. Tutti li, in quel preciso momento, pronti a vivere come me questa strana possibilità di poter gareggiare da professionisti, dentro ad una bolla per circa un mese e mezzo.

 

Il viaggio passa veloce, neanche il tempo di rilassarmi e sono già atterrato. Prendo i bagagli e mi dirigo verso l’uscita cercando di capire cosa mi aspettasse là fuori. Intravedo un cartello con scritto (ISL) … Ecco! CI SIAMO! Mi trovo insieme ad altri atleti, tutti ad aspettare che ci portino in hotel. Una responsabile della manifestazione inizia a parlarci in inglese, ci spiega le regole e ci divide in vari gruppi (per via del COVID-19).

 

Stay tuned 🔁

 

See you next episode

Condividi su:

Marco Orsi

VICE CAMPIONE MONDIALE
E CAMPIONE EUROPEO DI NUOTO

DREAMS GROUP S.R.L.
P.Iva 03760791206